Blog Arnold’s (2) Il blog di Arnold’s

Le notti magiche del Magoo

Written by

di Marianna Galeota
magoo1L’AQUILA – “Il centro storico dell’Aquila prima del terremoto non andava mai a dormire”. Inizia così il racconto della movida che ha reso unico il capoluogo abruzzese nel corso degli ultimi 20 anni, nelle parole di Adolfo Scimia, proprietario dello storico locale Magoo, in via Sassa che dal 1998 al 2009 ha raccontato la storia del divertimento di aquilani e abruzzesi. Partiva il martedì la settimana del Magoo, passando per il giovedì universitario che affollava via Sassa, cuore della movida aquilana e i vicoli intorno a piazza San Biagio. Proseguiva poi con la tre giorni del week end: l’happy hour del venerdì, il sabato ‘del villaggio’ per i più giovani e infine il celebre aperitivo domenicale che ha attraversato 17 anni di vita notturna del capoluogo e un terremoto. L’ultimo aperitivo nella storica sede di via Sassa prima del sisma del 6 aprile 2009, c’era stato proprio domenica 5. Per i vicoli il solito freddo pungente, tipico dell’aprile aquilano, e nessuno avrebbe mai immaginato che alle 3.32 di quel giorno tutto sarebbe cambiato: neppure Scimia che come molti imprenditori della aquilani ha dovuto reinventarsi e dire addio al Magoo che racconta la storia del divertimento di generazioni di aquilani e abruzzesi.

Oggi Scimia è proprietario dell’ Arnold’s, erede a pieno titolo dello storico Magoo, che ha conservato la tradizione dell’aperitivo domenicale, traslocando in via Ulisse Nurzia.

“È stata una scommessa che ho voluto fare – racconta – Sapevo che all’ inizio sarebbe stata dura portare il locale in una zona così periferica della città. L’ Arnold’s ha finalmente ingranato e oggi l’aperitivo resta l’appuntamento più frequentato dagli aquilani”. Un nuovo nome per il locale perché Scimia non ha voluto creare un clone del vecchio Magoo che ha preferito lasciare a via Sassa e nei ricordi degli aquilani. “Le notti magiche resteranno nel ricordo e non so se riusciremo a riviverle – aggiunge – aprimmo come birrificio, eravamo tra i tre in italia nella produzione di birra tedesca e poi lo abbiamo reso il locale che è diventato”. In centro prima del 2009 era una “bomboniera” che in molti ci invidiavano: in alcune serate diventava un’impresa riuscire a percorrere via Sassa, stracolma di gente. Arrivando dal Cavour, si rimaneva fermi al primo ingorgo di fronte al The Corner, all’ angolo del vicolo. Si incontrava gente, ci si fermava a chiacchierare. Rum e cola d’inverno, mojito d’estate. Poi si scendeva alla Caffetteria, al Magoo e all’ Irish pub. Tappa obbligatoria per molti, il Coloniale, in piazza San Biagio, e poi la Quintana. Finito il giro si ricominciava da capo.

“Ricordo le serate in cui passavano da noi dalle 1300 alle 1500 persone e tra i ricordi ho scolpito indelebile nella mente quello dello schiuma party – aggiunge – Venivano da tutto Abruzzo, ma anche da molte parti d’Italia”. Il Magoo ha cementato anche solide amicizie per Scimia, come quella con il deejay Graziano Della Nebbia, che oggi suona in occasione delle sfilate di grandi stilisti come Giorgio Armani e Louis Vuitton. “Vorrei ricordare anche due cari amici aquilani scomparsi prematuramente – conclude – Marco Stornelli che ha lavorato al locale e Angelo Rosati che era sempre con noi”.

[Fonte Abruzzoweb – 12 agosto 2015]

Arriva “Patatina”

Written by

di Marta Turco
ab_web1L’AQUILA – È già un successo il nuovo ristorante pizzeria “Patatina”, lanciato dall’imprenditore aquilano Adolfo Scimia.
“Sì, il nome è un po’ insolito – spiega sorridendo il proprietario ad AbruzzoWeb – ma ho deciso di conservarlo dal momento in cui, dopo il sisma, avevo in cantiere l’idea di aprire un franchising a Milano di arrosticini e patatine”.
Oltre a un target di giovani, il locale è rivolto anche ad adulti e famiglie, i piatti forti sono la pizzeria, i piatti tradizionali freschi, tartufo, zafferano e funghi.
“Patatina – promette Scimia – da metà gennaio cercherà di attirare molto di più le famiglie con brunch e animazione per i bimbi”. ab_web2Prima di lanciarsi in una nuova avventura Scimia ha guidato la birreria pub Magoo per un decennio, dal 1998 al 2009, dove sono cresciuti tantissimi giovani aquilani. “Il 6 aprile 2009 – ricorda – ero rientrato a casa da poco, alle 3.05. Da subito ho capito che il centro sarebbe stato chiuso e ho deciso di andare avanti e reinvestire. Inizialmente sul lido ‘Magoo Beach’ a Roseto degli Abruzzi, nell’estate del 2009 molto popolato dagli studenti aquilani fuori sede che un tempo erano frequentatori del suo locale”. Quanto all’impianto della birreria, “è stato tirato fuori dal Magoo dopo un anno dal terremoto e a oggi è ancora fermo per i costi alti e di collocazione”.

Nel settembre 2009, poi, è nato il Blun ristorante in piazza Navona a Roma. “Nel Luglio del 2010 – prosegue ancora – io e il mio socio Rodolfo Costantini abbiamo deciso di reinvestire all’Aquila, perché siamo legati molto alle famiglie e così abbiamo ricominciato con l’Arnold’s, oggi un punto di ritrovo dei giovani aquilani. La maggiore affluenza c’è con l’aperitivo della domenica mentre a pranzo curiamo i piatti veloci e la cucina americana”. Insomma, non si molla e anzi si rilancia sempre. Anche se, Scimia ammette, “il futuro in questa città è duro e incerto. È stato difficile ricominciare ed è dura continuare. Spero – conclude – che dopo la Befana il Comune deciderà di venirci incontro riguardo la chiusura dei locali all’una: non è giusto perché veramente lavoriamo tantissimo dalla mattina alla sera e non lo meritiamo”.

[Fonte Abruzzoweb 02 gennaio 2012]